H
Home
F
Forum
L
Link
C
Contatti
D
Cosa tratta il Sito
W
Chi è Capochino
U
I nostri utenti
"Lama a caldo verticale .... Proxxon"
Il Polistirene è uno dei materiali più usati dai modellisti scenografici di tutto il mondo. Questo materiale è molto duttile e facilmente incidibile anche con attrezzi spartani come penne, punteruoli e taglierino.
Per un taglio preciso su polistirene di piccoli spessori si può facilmente usare un taglierino ma se lo spessore aumenta e i tagli diventano più articolati una lama a caldo è ideale per creare strutture complesse e ben disegnate.


Il Thermocutter, o lama a caldo, della Proxxon svolge molto bene il suo lavoro. L' attrezzo pesa intorno ai 2 Kg ed è studiato appositamente per tagliare polistirene e polistirolo. Il funzionamento è molto semplice, si tratta di un filo di materiale incandescente che viene scaldato da un elementare sistema elettrico. Il banchetto serve a tenere in bolla i pezzi di polistirene che verranno facilmente tagliati col filo ( detta anche "lama" ) in modo veloce ma soprattutto precisa


In questa foto vediamo il tasto di accensione con la propria spia. La rotella più piccola è un potenziometro che regola la tensione elettrica che arriverà alla lama scaldandola più o meno intensamente.
La rotella più grossa è il blocco che serve per fermare la lama e soprattutto per poter chiudere il circuito elettrico.


In questa foto si può vedere meglio il suo funzionamento. La grossa rotella oltre a bloccare il filo che parte dall' archetto fa da chiusura del circuito elettrico, altrimenti la lama non si potrebbe scaldare con la corrente.

 
Questa è una scala di misura realizzata dalla ditta costruttrice che indica la regolazione della tensione dalla piccola rotellina in base allo spessore del pezzo da tagliare o lavorare. Comunque l' ho seguita solo per i primi tagli, ora vado praticamente a naso, a seconda della velocità con cui volgio tagliare ma soprattutto del polistirene che lavoro, oltre agli spessori.


Questo è l' archetto dov' è posizionato il rocchetto di filo che funge da lama, è molto simile ad un traforo classico ed infatti la funzione è la stessa.


La superficie d' appoggio del banchetto per il polistirene è realizzata con un materiale molto scivoloso. Ovviamente è fatto apposta per limitare al minimo l' attrito su di esso per poter realizzare tagli precisi e senza impedimenti di sorta.
Oltre a questo la Proxxon ha pensato bene di dotare questa superficie di una quadrettatura in centimetri per poter così avere sempre sotto mano un righello preciso per creare tagli precisi al millimetro.


Sulla linea verticale abbiamo una sorta di goniometro per realizzare tagli obliqui delle gradazioni che preferiamo.


Questo è il blocco rocchetto. Il filo si trova anche separatamente ( dovrebbe essere lungo 8 metri ) La rotella sopra lo sblocca dal supporto per poterlo srotolare visto che dopo molti tagli, la lama si sporca di materiale e non scalda più come dovrebbe rendendo il lavoro più difficoltoso, lento ed impreciso.


La rotella laterale sblocca tutto il blocco rocchetto così da poterlo far scorrere lungo archetto e di conseguenza poter inclinare il filo per tagli verticali obliqui.


Queste scanalature servono per far scorrere la riga che serve per tenere fermo i pezzi da tagliare, sono una guida efficacissima per tagli precisi e veloci.


Questa è la riga che serve come blocco del materiale e guida stessa per farlo scorrere verso la lama. La parte in metallo è estraibile anche se avrei preferito un fermo in cima alla stessa per così non dover per forza tenerla con la mano sinistra in fase di taglio per pezzi lunghi. Non tenendola ferma si ha un leggero svirgolamento della stessa rovinando il taglio.


La rotella di destra serve a bloccare la riga, la rotella di sinistra ( quella più bassa ) serve a poter inclinare la riga per i tagli obliqui.


Questa è la riga posizionata per il taglio obliquo, ovviamente la rotella di sinistra sarà bloccata e quella di destra sarà sbloccata per poter far scorrere il tutto, da sinistra verso destra, verso la lama incandescente.


Naturalmente si può anche utilizzare la scanalatura di destra per altri tagli. Oltretutto si può sfruttare la guida del goniometro per inclinare la riga ai gradi che si vuole.


Questa è la lama al massimo della potenza. Come si può ben vedere il filo diventa incandescente e non è da escludere che l' attrezzo sia molto pericoloso se usato in malo modo o distrattamente.
Il filo ha uno spessore di 0,2 mm e si scalda in 1 secondo dall' accensione, con la stessa velocità si raffredda una volta spento l' attrezzo. Tenendo sempre la potenza la massimo si avrà una minor duratura del filo che si spezzerà dopo almeno 30 minuti di lavoro incessante. A questa potenza il taglio sarà si veloce ma la larghezza del taglio sul polistirene sarà molto più larga che usando la lama a potenze più contenute. In pratica i lavori di fino andranno fatti con la potenza al minimo, sempre in base allo spessore del materiale che andremo a tagliare.


Qui siamo in fase di taglio. La potenza della lama è a metà e lo spessore del polistirene è di 3 cm.

 


Un taglio del genere è la base per questo attrezzo e le possibilità sono molteplici ma già da qui si capisce benissimo che con un normale taglierino questi lavori sonopressocchè impossibili, soprattutto su spessori del genere.


Inclinando il filo sull' asse orizzontale dell' archetto si possono fare tagli obliqui per realizzare la base degli elementi scenografici.. le colline.


Bisogna dire che sul taglio inclinato la superfice d' appoggio del filo sul blocco rocchetto è limitata e la tensione elettrica deve essere portata al massimo. Con questi tagli si deve fare un po' di pratica perchè non è semplicissimo tenere sempre lo stesso verso di inclinazione su tutto il pezzo. Girare il pezzo a mano e seguire una linea corretta è piuttosto difficoltoso ma solo per le prime ore di lavoro, dopo viene tutto molto naturale.



Questo è solo un esempio banale ma da questa base si possono fare molte cose


Prendendoci la mano si possono creare figure diverse come questa. Qui ho semplicemente capovolto il pezzo per creare una sporgenza rocciosa ( ovviamente poi da trattare a dovere )


Ovviamente con l' aiuto della riga possiamo tagliare con precisione pezzi dritti di qualsiasi misura che non superi i 20 Cm di larghezza, visto che la riga non si può spingere oltre questa misura.

 
Con un piccolo stratagemma si riesce anche a spessorare i pezzi di polistirene fino ad arrivare a meno di 1 mm.
Qui si vede come taglio pezzi di 10 cm x 10 cm in lastre da 1 cm di spessore.


Come si vede il taglio è perfettamente liscio e, ovviamente, impossibile da effettuare con un taglierino a mano libera.


Questo è un taglio obliquo a 45°


Portando la potenza al minimo si possono tagliare spessori veramente bassi, qui siamo intorno al millimetro


Qui si può vedere meglio la qualità del taglio. Ovviamente il pezzo da 1 mm di spessore è flessibile e adatabile a qualsiasi superficie.


Come si vede da questa foto il taglio è unico. Qui la potenza è al minimo ed il taglio è stato fatto a mano libera.
Lo spessore del pezzo è di 1 cm

 
Ecco il pezzo .... impossibile riprodurlo da un taglierino... ma se io volessi dei pezzi uguali?
Facile, a mò di "salumiere" ho affettato il pezzo e questo è quello che è uscito...


Qui lo spessore è meno di 1 mm , siamo sui 0,5 mm


Con un po' di fantasia si possono fare mille cose ...


Questa potrebbe diventare la decorazione in acciaio di un portone del male o qualsiasi altra cosa. ^^


Che dire, questa attrezzatura non è indispensabile ma lo diventa se vogliamo dare libero sfogo alla nostra creatività.
L' ho acquistata con titubanza 1 anno fa ma posso dire di esser rimasto molto contento anche perchè mi ha fatto risparmiare molte ore di lavoro e qualche Kg di lamette per il taglierino ^^
Voto: 9

..............by Capochino