H
Home
F
Forum
L
Link
C
Contatti
D
Cosa tratta il Sito
W
Chi è Capochino
U
I nostri utenti
"Cattedrale: Il Tempio della Luce ( pittura )"

E' arrivato il momento di dare vita a questo modello con la pittura:

In questo post descriverò la tecnica che io utilizzo per dipingere i miei modelli in polistirene. Cercherò di schematizzare tutta la procedura in varie fasi, in modo da renderla più lineare e comprensibile. Ad ogni modo, questo non vuole essere il metodo migliore in assoluto, si tratta solo del mio metodo, che ho appreso dai vari tutorial in giro per la rete e dalla mia esperienza personale sul campo...

Ma bando alle ciance! e andiamo ad incominciare:

1a Fase: Mano di fondo preparatoria:
Questa prima mano di fondo serve per rendere il polistirene idoneo a ricevere le successive mani di pittura. Si tratta in sostanza di una sorta di "Primer" per preparare il fondo.

Prendiamo del colore acrilico nero, in questo caso io ho usato un colore della Maimeri, ed aggiungiamo circa un terzo di colla vinilica:

Immagine

Immagine

Mescolate bene la vinilica con il colore. Aggiungete un po' d'acqua fino a quando l'impasto risulterà meno denso, questo aiuterà anche a stendere meglio il colore. Poi iniziate a stendere la mano di fondo su tutto il modello, con un pennello grande per le zone più ampie ed uno più piccolo per le zone più ristrette:

Immagine

Immagine

A questo punto lasciamo asciugare bene il tutto per almeno 6 / 8 ore, questo per permettere alla colla di asciugare completamente prima di procedere con le successive mani.

2a Fase: Imprinting di base
Dopo aver steso la mano di fondo, la fase successiva consiste nel dare l'"Imprinting" di base.
In pratica si tratta di dare un ulteriore fondo, ma questa volta con le tonalità che vogliamo dare al nostro modello.
Iniziamo con la parte in pietra:
In questo caso io voglio dare alle pietre quella tonalità Grigio/Blu tipica delle costruzioni in pietra del Nord Europa, quindi ho utilizzato 4 tonalità di grigio: un grigio medio neutro, un grigio/blu scuro, un grigio/azzurro più chiaro ed un grigio/cielo molto chiaro:

Immagine

Immagine

A questo punto iniziamo a stendere i colori su tutta la parte in pietra del modello: una cosa fondamentale di questa fase è che i colori non vanno mescolati nella tavolozza, ma vanno dati uno alla volta sul modello stesso. Io solitamente cerco di fare delle singole zone per volta, non tanto grandi.
Ho iniziato dal grigio neutro e poi via via tutti gli altri, prendendo i colori dalla tavolozza senza mai pulire il pennello, dandoli un po' a caso anche picchiettando il pennello. Insomma, in questa fase del lavoro la parola d'ordine deve essere: "Pasticciare".

Immagine

Immagine

Ed ecco come si presenta la torre dopo la stesura del colore:

Immagine

A questo punto, sono passato al tetto. Ho deciso di dargli un colore di base verde, utilizzando 3 diverse tonalità. Per la stesura, anche in questo caso vale lo stesso discorso che ho fatto prima per la pietra, cambiano solo le tonalità:

Immagine

Immagine

Infine ecco come si presenta tutto il modello dopo la fase di "Imprinting":

Immagine

Bene, fin qui ci siamo. Ora passerò alla colorazione delle pietre singole ( non tutte ) per rendere l'aspetto della struttura il meno monocromatica possibile.

Prima di passare alla fase successiva, ho ulteriormente diversificato il fondo di Imprinting, andando a differenziare delle singole pietre con dei colori molto variegati, che vanno dai toni violetti/blu ai toni marroni/rossi:

Dopo questo lavoro il modello ha preso un aspetto molto variopinto. Tenete conto comunque che si tratta ancora della fase di imprinting. Questa differenziazione delle singole pietre serve solo per creare delle sfumature su alcune pietre e "rafforzare" i contrasti nel colore di fondo.

3a Fase: Lumeggiature e Lavature.

La fase di lumeggiatura e lavatura serve essenzialmente per dare profondità al modello, oltre che per amalgamare e raccordare tutte le tonalità utilizzate nella fase precedente di Imprinting.
Procediamo ora con la prima lumeggiatura.

Per realizzarla ho utilizzato la tecnica del Drybrush. Questa tecnica consiste nell'applicare il colore con un pennello completamente asciutto e molto scarico di colore, in questo modo, andremo a colorare maggiormente solo le parti in rilievo, questo darà al modello un primo effetto di profondità.
Il pennello da utilizzare per questa tecnica, deve avere le setole piuttosto dure: io di solito utilizzo un pennello vecchio con le setole consumate e più corte, quindi un po' più dure.

Per realizzare questa prima lumeggiatura, ho utilizzato due colori: un grigio/cielo chiaro ed un color osso:

Immagine

Ho passato il drybrush su tutta la parte in pietra del modello, utilizzando il color osso maggiormente nella parte inferiore e il grigio/cielo nella parte superiore:

Immagine

Dopo aver lumeggiato tutta la parte in pietra, ho fatto lo stesso lavoro anche sul tetto, utilizzando un verdino molto chiaro.

Passiamo ora alle lavature.
Questa operazione in pratica serve per ombreggiare, cioè, andare a scurire tutti i recessi. Praticamente è l'esatto contrario della lumeggiatura: se prima abbiamo dato luce alle parti in rilievo, adesso andremo a scurire le parti più in profondità, dando un ulteriore effetto di tridimensionalità.

Per i lavaggi, io utilizzo dei pigmenti liquidi; quelli che generalmente vengono usati per colorare le pitture murali. In questo caso ho utilizzato un nero e un marrone scuro:

Immagine

Immagine

Le lavature vanno diluite con molta acqua. Per capire se sono diluite abbastanza, bisogna necessariamente fare delle prove su dei pezzi di scarto. Io preferisco diluirle molto e, eventualmente dare più passate, in questo modo non si rischia di andare a coprire tutto il colore sottostante.

Questa prima passato io la do molto abbondante: passo con il pennello molto carico di colore su una zona non tanto grande e poi, con uno straccio vado a tamponare per togliere il colore in eccesso:

Immagine

Immagine

Ho passato tutti e due i colori, nero e marrone, su tutto il modello, insistendo un po' di più con il marrone nella parte più bassa del muro, quella adiacente al terreno.
Ecco come si presenta il muro della chiesa dopo le lavature:

Immagine

A questo punto ho deciso di realizzare la base del modello. Per farlo ho utilizzato del Depron da 6 mm. di spessore: l'ho tagliato in maniera irregolare seguendo grossomodo il profilo della chiesa, inoltre ho smuzzato i bordi in modo che sul profilo della base non rimanga un antiestetico gradino netto:

Immagine

Dopo aver incollato la chiesa alla base, ho realizzato il terreno:

Immagine

Una volta che il terreno è asciugato per bene, l'ho dipinto con le stesse tecniche descritte in precedenza:

Immagine

Infine, dopo aver terminato la pittura del terreno, ho passato una lavatura verde su tutta la parte bassa del muro; per simulare le tracce di umidità che salgono dal terreno:

Immagine

A questo punto ho realizzato anche dell'erbetta e qualche cespuglio:

Immagine

Immagine

Bene, a questo punto le fasi principali di pittura sono terminate. Mancano giusto gli ultimi ritocchi finali, che consistono essenzialmente nel dare ancora dei drybrush e lavature sempre più mirati su zone specifiche del modello.

Ecco le foto del Tempio ultimato, Buona visione:

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Qui sotto potete visionare il video che ho creato su Yuo Tube:
 
 
By mistral
 
la mia Gallery
 
Immagine