H
Home
F
Forum
L
Link
C
Contatti
D
Cosa tratta il Sito
W
Chi è Capochino
U
I nostri utenti
"Resina Huntsman Rencast FC52.... Abbiati Wargames"
La Rencast FC 52 è una resina poliuretanica. O voglia di testarla duramente per capire se anni di prove del Signor Abbiati hanno dato buoni risultati.
Il prodotto si presenta in 2 componenti da miscelare, la resina ed il suo catalizzatore.

 
Io personalmente ho acquistato 4 boccioni da 4,5 Kg ognuno, ovviamente, se ne possono ordinare anche confezioni più piccole a partire da 250gr + 250gr per poi passare al 500gr + 500gr e 1000gr + 1000gr.
Per comodità io ho voluto usare le bottiglie del latte in plastica per 2 grossi motivi.
  1. Le bottiglie sono di plastica NON trasparente e la resina è sempre meglio lasciarla al buio
  2. Le bottiglie di questo genere agevolano moltissimo la preparazione delle dosi, senza fuoriuscite di materiale
MOLTO IMPORTANTE: le bottiglie devono essere completamente senza residui di latte o altro. Io le faccio asciugare sotto sopra senza tappo per almeno 1 mese. Oltretutto non dovrebbero essere tenute ferme per molto tempo perchè l' umidità è sempre in agguato e con la resina non va molto d' accordo.

Questa resina non è altamente tossica da inalare ma pur sempre di prodotto chimico parliamo. Uso sempre guanti di gomma per lavorare evitando il più possibile problemi di sorta.


Oltretutto, le resine, hanno la brutta abitudine di depositarsi sul fondo dei contenitori ( lasciati molto tempo ferme ) e perciò serve una bella agitata altrimenti il composto antiumidificante contenuto verrà a galla compromettendo considerevolmente il risultato finale in fase di miscelazione.


Con questa resina non ho avuto problemi, ed anche dopo aver lasciato questo contenitore per più di 4 mesi fermo, dopo averlo agitato per non più di 5 minuti ho sistemato il tutto senza problemi. Il catalizzatore non ha problemi di questo tipo.
Le bottiglie di latte aiutano tantissimo questo passaggio, agitare bene la bottiglia di resina ad ogni utilizzo è fondamentale.


Molto importante, segnare sempre ( in questo caso con un pezzo di scotch carta ) le bottiglie. Io uso una "C" per Catalizzatore e "R" per resina. Segno anche i tappi perchè scambiarli non è una buona cosa, la resina non costa poco e rovinarne anche 100 gr per un errore del genere è fastidioso. Universalmente si usano le lettere A e B ma io mi trovo più comodo con delle lettere che richiamano il contenuto.


Per il lavoro di travaso mi sposto fuori, in balcone, come detto in precedenza non è un prodotto altamente tossico per inalazione ma posso dire che lavorare sempre e comunque in sicurezza è una regola da seguire con diligenza.
Uso 2 imbuti per non sbagliare e preparo il tutto in completa sicurezza.


Comincia la prova, utilizzo un bicchiere in plastica con un cucchiaino usa e getta per poter mescolare con facilità i 2 composti della Rencast. La mia bilancia elettronica mi aiuterà a miscelare con precisione.


La miscelazione è semplicissima. Il rapporto è 1 : 1, in questo caso ho versato 45 gr di resina e....


.... subito dopo gli altri 45 gr di catalizzatore. Come si vede dalla foto, il catalizzatore sembra leggermente più pesante della resina ma è solo un impressione perchè bastano pochi secondi di mescolatura per amalgamare benissimo il tutto senza nessun problema.


Dopo soli 30 secondi la Rencast si presenta in questo stato, non puzza e perciò si può tranquillamente lavorare in casa.
Non smetterò mai di dire che areare bene il locale di lavoro è importantissimo ed anche con materiali non particolarmente puzzolenti e dannosi come questa resina è bene sempre tutelarsi al meglio.


Come non scegliere il terrore delle resine come banco di prova?? ^^
Questo mold della Hirst Arts è uno dei più difficili da utilizzare. La resina, in questo caso, deve infilarsi nelle sottili scanalature che ricreeranno una cancellata. Lo spessore è davvero basso e la bolle d' aria sono sempre in agguato.


Ci sono andato giu pesante con la colata senza curare troppo il lavoro. Questo perchè sono convinto che se la resina è buona non dovrebbe avere problemi ad infilarsi degli angoli più reconditi.


Per il tipo di stampo si consiglia di schiacciare la resina, ancora liquida, con una sorta di tappo. In questo caso ho preso un altro mold e poi l' ho tenuto pressato con un peso da 1 Kg.


Dopo 40 minuti ho tolto il mio "tappo" e ho potuto vedere che, a primo impatto, il risultato sembrava ottimo.

 
Si, il risultato è praticamente perfetto. Ho dovuto pulire un po' i pezzi ma è normalissimo quando si tratta con questi spessori


Non c'è dubbio, si notano solo 2 minuscole bolle formatesi sul piccolo cancello ma praticamente irrilevanti, pensando poi che ho volutamente versato la resina senza curarmene troppo per simulare un utlizzo da neofita.


Il pezzo in questione non presenta un minimo difetto, assolutamente perfetto. Venature e piccoli sottosquadra sono stati riprodotti in modo esemplare.


Ho voluto anche provare la Rencast su un mold classico ( tetto in tegole ) per poter effettuare una colata semplice e testare il prodotto senza l' aiuto di un "tappo"


Dopo 40 minuti la resina è completamente asciutta



Pezzi praticamente impeccabili, la resina è veramente un' ottima resina. Resistente e molto leggera.


Anche qui, su queste 3 porte, si può vedere l' alto dettagli raggiungibile da questa reisna. Si può notare come, nella porta di centro, i buchini e i chiodini siano perfettamente visibili e definiti.

Dopo più di 10 Kg di colate posso dire che questa resina è di ottima fattura. Non ho da rilevare nessun difetto, praticamente perfetta.
Un ottimo prodotto.

...................................by Capochino