H
Home
F
Forum
L
Link
C
Contatti
D
Cosa tratta il Sito
W
Chi è Capochino
U
I nostri utenti
"Rovina di Osgiliath ..... 2^ CST PARTE 3"
Bene, siamo al terzo appuntamento con questo lavoro. Devo dire che mi sto veramente divertendo perchè anche se sono legato al fatto che devo seguire la linea guida per poter rappresentare una rovina di Osgiliath posso dare libero sfogo alla mia fantasia e decidere come impostare l' ambiente.


Continuo il lavoro alzando la struttura della torre fino al primo piano. La struttura a destra della foto è una passatoia che formerà un piccolo ponte fino al primo piano della torre che ha già un' apertura ad arco.

 
A proposito di archi ^^, visto che non so se tirarne fuori altri in futuro mi munisco di silicone e mi creo uno stampo. Non si sa mai, è sempre più veloce colare un po' di gesso in uno stampino che crearne uno da zero.


Comincio anche ad alzare la passatoia per pareggiarla alla porta di ingresso della torre del primo piano. Come si può vedere il muro di sinistra è precario perchè colpito da una bordata di catapulta. Questo "movimento" del muro portante causerà una spaccatura alla passatoia soprastante rendendola pericolante e sicuramente crepata in più punti.


La feritoia del primo piano l' ho sagomata con un cutter per allargare obliquamente i muri perimetrali. Ora gli arcieri possono avere un più ampio angolo visivo.


Per gli stipiti del portone, in cima alle grandi scale che portano al primo piano, decido di crearne 2 in pietra unica per dare un senso di possenza ala struttura anche se martoriata dal tempo e dalle guerre.



Cerco di inserirli al meglio nella struttura. Non stanno male, mi piacciono. I pezzi in balsa saranno dipinti come fossero legno.


La parte retrostante di questo piano la sfrutto per muovere le miniature all' interno, in questo modo perè devo cercare di far intendere che questo lato sia stato demolito completamente dalle catapulte. Il lavoro non sarà facilissmo ma credo di poter ottenere un effetto buono solo col terzo piano della struttura che sarà ancora più ristretta della sua base.
Dare movimento al tutto non è affatto semplice ma non mi posso arrendere proprio ora ;)



Per prepararmi al terzo piano decido di rinforzare questa zona con le travi molto più grosse di quelle sottostanti. Il motivo è presto detto. Penso che il pavimento del terrazzo di vedetta debba essere costruito in pietra per evitare problmei con le frecce incendiarie. Un pavimento in legno esposto alle intemperie ed al fuoco nemico non si addice ad una postazione di vedetta e difesa di questo genere.


Passo ora alla realizzazione delle caratteristche tipiche di un' ambientazione che deve riprodurre Osgiliath. Gli archi e le finestre bifore.
Visto che sono un amante dei giochi da tavolo non butto mai via i cartoncini fustellati per i materiali dei miei giochi. Con queste sorte di "maschere" si possono disegnare innumerevoli motivi che possono andar bene per qualsiasi tipo di architettura. Il valore aggiunto è che si può seguire il disegno tenendo isure precise e senza dover perdere tempo in misurazioni a volte noiose.


Come si può vedere ho tracciato un po' di cerchi tutti alla stessa distanza in un unico colpo ^^


La sequenza è qui descritta. Prendo il mio foglio di Eulithe e lo taglio perfettamente dove posso dividere in 2 i cerchi appena tracciati. I mezzi cerchi li sagomo con la lama a caldo verticale ( ma si può benissimo fare anche con un normale cutter).
Ed ecco i miei archi realizzati


Fatto questo posso lavorarmi i capitelli a mio piacere. Uso pezzetti di Eulithe tagliati a dovere e smusso gli apigoli con il cutter. Il lavoro non è difficile, unica cosa, ho preferito usare una colla cianoacrilica per attaccare il tutto ( L' Eultihe non ha problemi di sorta con questa colla ) perchè le sezioni sono davvero minute.

 

Fatto ciò preparo il piccolo porticato che andrà a posizionarsi sotto la passatoia pericolante. Con degli spessori in polistirene mi avvicino il più possibile all' altezza giusta. Rompo una colonna per poterla poi piazzare nella guardiola del terzo piano della Torre di Guardia.



Ora passiamo alle caratteristche finestre bifore di Osgiliath. Devo essere sincero, ho visto che ce ne sono di molti tipi ed ho preso le più semplici, per fare quelle più complesse avrei perso molto più tempo ed inoltre non credo di poter arrivare a farle identiche.
Cominciamo, prendo una parte degli archi precedentamente tagliati ( ne avevo tracciati molti apposta ). Con una formina per i biscotti taglio un arco che li comprende almeno 2 .


Una volta ottenuto il pezzo lo taglio con la lama a caldo per portarlo a 5 mm di spessore ( ne ottengo 2 identici ma me ne servirà solo uno.


A questo punto poggio la mia guida su un piccolo pannello di Eulithe dallo spessore di 5 mm tagliato con le misure per fare una parete per la guardiola di vedetta della torre. Prolungo le colonne per formare un grande finestrone.


Taglio col cutter almeno 4 pannellini nel modo che vedete in foto


Preparo una sagoma su un secondo panellino di Eulithe con le stesse misure degli altri


Traccio la sagoma e la taglio col cutter ottenendo...


.... questo pannellino. Ora non resta altro che fare un "sandwich" con i 3 pannellini preparati.


Lo sistempo sagomando per bene tutte le linee. La parte grossa è fatta


Continuo aggiungendo una colonnina centrale e due supporti laterali tutti in balsa. La colonnina l' ho tolta dal porticato che avevo precedentemente fatto.


La guardiola sarà composta da 3 pareti. Le due pareti laterali saranno diroccate. Si nota come ho tagliato i muri delle due parti diroccate assottigliandole molto per farle integrare nel contesto della guardiola di forma quadrata. Si capirà meglio nelle foto seguenti.


Con la tecnica dell' incisione texturizzo i muri, basta una penna ed un righello


Prima di collocare la guardiola costruisco una terrazza con muri realizzati sempre a mattoncini di polistirene


Ecco, incollo il tutto alla terrazza che ho precedentemente "piastrellato" e mi preparo a demolire ancora di più questa parte


Intanto che do una prima mano di fondo nero diluito con colla vinilica, ricavo una botola di ingresso alla guardiola, anche lei demolita dai colpi ricevuti, oltretutto spacco qua e la per rendere il tutto più armonioso al resto della scena

../resize_img/IMG_2462rid.jpg

Ora passo ad una delle caratteristiche principali di Osgiliath... le cupole.
Prendo una palla di polistirolo e la taglio a metà con la lama a caldo. Quella metà la scavo con un cutter e la tratto con la carta vetrata all' interno ma non all' esterno.


Innanzitutto incollo la cupola diroccata ad una base e poi la spalmo letteralmente con la pasta acrilica per coprire i fastidiosi pallini che contiene il polistirolo a bassa densità e poi anche per preparare la texture per la colorazione finale. Stucco le giunzioni alla base con altra pasta ed aspetto che asciughi per dargli il fondo nero.


Incollo il tutto e finisco con la mano di fondo. Mi accorgo che la guardiola è troppo pulita e poco credibile. Le parti bianche sono quelle che ho voluto demolire per rendere il tutto più realistico.


Mi ridedico alla struttura base. Do una bela mano di fondo al tutto e mi preparo a finire con la passatoia ed il piccolo chiostro sotto di essa.

FINE TERZA PARTE
CONTINUA E FINISCE NELLA QUARTA PARTE